Conoscere i pesci da spinning: tecniche di caccia del barracuda

Il barracuda mediterraneo è un predatore che caccia da solo o in branchi: vediamo quali sono le sue tattiche

spinning_mare_barracuda_comportamento (8)

Il biologo marino João Barreiros e colleghi hanno osservato nel barracuda nostrano, una preda ambita dello spinning in Mediterraneo, quattro situazioni di caccia possibili, per ognuna delle quali i ricercatori hanno annotato circostanze e percentuale di attacchi andati a buon fine:

A) Un solo barracuda su una sola preda: il predatore si avvicina alla preda il più possibile, per poi scattare improvvisamente. È la tattica che si è dimostrata meno efficace dal punto di vista della cattura della preda (32% di attacchi a buon fine), tuttavia in questo modo il singolo barracuda non deve spartire niente con nessuno.

B) Diversi individui di un branco (da 2 a 8) su una sola preda: in questa situazione la preda veniva sempre catturata (100%), fermo restando che solo un barracuda del gruppo si riempiva la pancia.

C) Un solo barracuda su un branco di prede: questa tattica è stata osservata sempre e soltanto nelle ore notturne/crepuscolari, cioè i momenti migliori per lo spinning al barracuda da terra. In questo caso il predatore attaccava ripetutamente, frammentando il branco di prede in gruppi più piccoli. Ogni attacco aveva il 75% di probabilità di andare a buon fine.

D) Caccia di branco su un branco di prede. Tipica dell’estate, con barracuda riuniti in branchi sotto costa, situazione forse meno frequente nelle nostre acque, visto che si tratta sostanzialmente di caccia diurna. Questa tattica poteva avvenire con tre diverse modalità, a seconda che le prede si trovassero: 1) in superficie: in questo caso gli esemplari più piccoli, dall’alto del branco, partivano per primi, seguiti dai più grossi, che partendo dalle posizioni inferiori attaccavano il branco di prede dai lati (68% di attacchi a buon fine); 2) a mezz’acqua: i piccoli esemplari nelle posizioni superiori non interferiscono, e lasciano campo libero agli esemplari intermedi e grossi dalle posizioni medie e inferiori (72% di attacchi a buon fine); 3) sul fondo: in questo caso sono solo le grosse femmine che attaccano, partendo dalle posizioni inferiori (89% di attacchi a buon fine).

spinning_mare_barracuda_comportamento (7)Leggi anche: Conoscere i pesci da spinning: biologia del barracuda mediterraneo

Roberto Merciai

Nato a Firenze nel 1982, coltiva la passione per la natura e la pesca da quando aveva tre anni. Figlio e nipote d'arte, ha praticato diverse tecniche di pesca, dedicandosi principalmente allo spinning in acqua dolce fino al 2010, quando la carriera universitaria di Naturalista Ittiologo lo porta a trasferirsi a Girona, in Spagna. Qui inizia a dedicarsi allo spinning marino dalla costa, tralasciando momentaneamente le acque dolci, nelle quali è invece impegnato sul fronte professionale, avendo conseguito il dottorato di ricerca in ecologia fluviale. Dal 2006 al 2012 ha collaborato con lo storico mensile 'Pescare - la rivista dei pescatori', mentre dal 2013 scrive articoli di pesca e biologia sulle testate 'Pesca Spinning', 'Surfcasting' e 'Pesca dalla Barca', edite da ERREDI grafiche.